Cerca English (United States)  Italiano (Italia)
martedì 20 novembre 2018 ..:: News ::.. Registrazione  Login
Navigazione Sito

 News Riduci

Novità dalla UILDM di Sassari - giovedì 5 aprile 2018

Si è svolta il giorno 27 marzo l’assemblea annuale dei soci della sezione UILDM “Andrea Cau” di Sassari per assolvere i compiti statutari. L’assemblea ha approvato la relazione delle attività svolte nel 2017 e le linee generali dell’attività da svolgere nel 2018 oltre al bilancio consuntivo del 2017 e preventivo del 2018.
L’impegno dei soci è stato rivolto alla lotta alle barriere architettoniche, agli interventi per diffondere la cultura dell’inclusione, alla difesa dell’assistenza per i malati neuromuscolari e per tutti i malati rari e a portare avanti la ricerca scientifica partecipando alle campagne della Fondazione Telethon.

L’attività fulcro della Sezione rimane comunque quella dedicata dai volontari alla gestione della casa vacanze per le persone con disabilità di Platamona nella quale le persone con disabilità usufruiscono di piacevoli soggiorni al mare, anche grazie alla presenza dell’area comunale attrezzata sulla spiaggia antistante.
Nel 2017, dopo più di dieci anni di funzionamento, con fondi propri la sezione ha attuato alcuni interventi di ristrutturazione.

Il desiderio di offrire una ospitalità più confortevole ha spinto i soci a voler migliorare ulteriormente l’accoglienza. La sezione ha, quindi, partecipato al bando promosso dalla Fondazione di Sardegna con il progetto “Platamona per le persone con disabilità: più accoglienza nella casa vacanze della UILDM”.

Il Consiglio direttivo e tutti i soci sono particolarmente grati alla Fondazione di Sardegna per aver erogato il contributo grazie al quale è attualmente in corso la ristrutturazione dell’impianto di climatizzazione e di quello per la produzione di acqua calda sanitaria.

Nel corso dell’assemblea si è anche proceduto al rinnovo degli organismi direttivi.Gigliola Serra, Franco Vicari e Francesca Cottoni sono stati riconfermati nei ruoli rispettivamente di presidente, segretario e tesoriera. Gian Mario Piredda è stato eletto vicepresidente mentre vicepresidente medico-scientifico è stata confermata la dr.ssa Myriam Pastorino.
A far parte del Consiglio direttivo sono stati eletti Antonio Arcadu, Francesca Arcadu, Luciano Atlantei, Ninuccia Canu, Daniela Franchini, Maurizio Meloni, Francesco Nurra.
Per ricoprire il ruolo di Revisori dei conti sono stati eletti Antonio Bazzoni, Antonio Cugia e Paolo Porcu Gaias.

L’assemblea si è conclusa con gli auguri di buon lavoro al nuovo consiglio direttivo a cui è stato dato l’incarico di privilegiare l’attività rivolta all’ospitalità della Casa Vacanze di Platamona senza trascurare di promuovere le azioni necessarie per ottenere, nel nostro territorio, una buona assistenza medico riabilitativa per i soci disabili e per tutti i malati neuromuscolari.
La presidente Gigliola Serra

 

ISEE e persone con disabilità: un Dossier - sabato 31 gennaio 2015

ISEE e persone con disabilità: un Dossier

La presentazione dell'ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) viene richiesta per l'accesso a prestazioni sociali agevolate cioè servizi o aiuti economici rivolti a situazioni di bisogno o necessità (solo a titolo di esempio: dalle prestazioni ai non autosufficienti ai servizi per la prima infanzia, dalle agevolazioni economiche sulle tasse universitarie a quelle per le rette di ricovero in strutture assistenziali...). In questo Dossier ne presentiamo gli elementi salienti in particolare per le persone con disabilità e i loro nuclei familiari, fornendo anche alcune simulazioni utili a comprendere diverse situazioni.

Leggi  http://www.handylex.org/gun/dossier_isee_disabilita_2015.shtml

tutto su HandyLex.org

 

Sanità - Legge 162/98: via libera Regione a piani disabili gravi 2012-2013 - giovedì 4 aprile 2013
Sanità - Legge 162/98: via libera Regione a piani disabili gravi 2012-2013
Con il provvedimento approvato oggi la Giunta, su proposta dell’assessore della Sanità Simona De Francisci, autorizza dal 1° aprile l’avvio dei Piani personalizzati di sostegno. Si rideterminerà inoltre, in via definitiva, il finanziamento riservato ai Comuni in ragione dei piani presentati, una volta che la legge Finanziaria del 2013 sarà approvata, stanti le disponibilità di bilancio.
  CAGLIARI, 29 MARZO 2013 - Via libera dalla Regione al programma 2012 (da attuarsi nel 2013) dei piani personalizzati per le disabilità gravi (legge 162/98). Le delibere 48/46 e 51/15 del 2012 avevano già autorizzato la prosecuzione dal 1° gennaio al 31 marzo 2013 dei piani finanziati nel 2012, fermi restando i criteri utilizzati nel programma 2011. Con il provvedimento approvato oggi la Giunta, su proposta dell’assessore della Sanità Simona De Francisci, autorizza dal 1° aprile l’avvio dei Piani personalizzati di sostegno. Si rideterminerà inoltre, in via definitiva, il finanziamento riservato ai Comuni in ragione dei piani presentati, una volta che la legge Finanziaria del 2013 sarà approvata, stanti le disponibilità di bilancio. E’ fatta salva la quota di finanziamento dei 3 mesi di proroga, dal 1° gennaio al 31 marzo 2013, e la quota riferita ad aprile (primo mese di avvio dei piani) determinata sulla base del finanziamento richiesto all’amministrazione regionale con la trasmissione piani relativi al programma 2012/2013. E’ infine in corso di predisposizione una circolare esplicativa, che sarà inviata a tutti i Comuni.
 

Modificato l'articolo 33 della Legge 104/1992 sui permessi lavorativi - venerdì 22 ottobre 2010

E' stato approvato in via definitiva dalla Camera il 19 ottobre 2010 il testo del "Collegato Lavoro" per un riesame su alcuni importanti aspetti relativi al diritto del lavoro. Il testo contiene anche modifiche all’articolo 33 della Legge 104/1992 relativo ai permessi ai lavoratori che assistono familiari con handicap grave. Modifiche che riguardano sia i dipendenti pubblici che i dipendenti privati.

Nel sito
www.handylex.org sono illustrate le modificazioni alla Legge 104/1992 approvate e le conseguenze immediate per i lavoratori.

 

Lo stato dell'arte sulle malattie neuromuscolari: che fare dopo la diagnosi? - venerdì 11 dicembre 2009

 

 

La sezione UILDM di Sassari, nell’ambito della sua attività istituzionale, fornisce consulenza medico-scientifica a familiari e pazienti con distrofia muscolare e malattie neuromuscolari. L’esperienza maturata negli anni ha portato alla consapevolezza di quanto sia determinante il momento della diagnosi, della comunicazione e la predisposizione di un percorso di sostegno per affrontare correttamente l’approccio alla patologia.

Per questo motivo la UILDM ha programmato un incontro da realizzarsi in collaborazione con l’Ordine dei Medici di Sassari e l’Istituto di Neuropsichiatria Infantile della AOU di Sassari il cui fine è quello di creare una rete di contatti e comunicazione tra pazienti, medici di base e pediatri. Sono questi i sanitari che per primi si approcciano al paziente e ne conoscono i disturbi, le problematiche e che spesso, come rilevato nel corso degli anni, si trovano impreparati davanti a patologie rientranti nell’ambito delle “malattie rare”, sia per quanto riguarda il riconoscimento della malattia, ancora più per la presa in carico ed il rapporto col paziente e la famiglia nel quotidiano confronto con gli esiti di tali patologie. 

Durante il seminario verrà inoltre presentato e distribuito ai medici di base e pediatri della provincia il testo “Dopo la diagnosi. Il monitoraggio delle malattie neuromuscolari ad esordio in età evolutiva” curato da Antonella Pini e da Alessandro Ghezzo dell’Unità Operativa Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Maggiore di Bologna. Approvato dalla Commissione Medico Scientifica Nazionale della UILDM, il testo è un efficace strumento di conoscenza per medici, pazienti e familiari, motivo per cui è stato già adottato da numerosi centri quale mezzo di informazione.

 

 

Scarica la locandina

 

Parteciperanno al seminario con una relazione i seguenti medici: Dottor Gianni Marrosu (Centro per la Diagnosi e cura delle Malattie Neuromuscolari Cagliari), Prof.ssa Maria Antonietta Melis (Dipartimento Scienze Biomediche e Biotecnologie-Università di Cagliari), Dottoressa Antonella Pini (Neuropsichiatria Infantile Ospedale Maggiore Bologna).
 
L'incontro è reso possibile grazie al contributo di Federfarma Sassari, Comune di Sassari e Provincia di Sassari.
 

Sardegna: scenario privilegiato per l'integrazione e la mobilità - martedì 28 ottobre 2008
 
Verrà presentato ufficialmente prima a Cagliari (29 ottobre) e poi a Sassari (31 ottobre), il volume «Tutti al mare - Subacquea e disabilità in Sardegna». L'iniziativa si inserisce nell'ambito di quelle promosse in occasione del Coast Day 2008, una manifestazione internazionale celebrata in questi giorni in tutto il Mediterraneo

Il Coast Day 2008 è un evento internazionale unico nel suo genere - finanziato dall'Unione Europea e dalla Banca Mondiale - che coinvolge tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Scopo dell'iniziativa è sensibilizzare e rendere più consapevoli politici, amministratori e cittadini del grande valore delle zone costiere che si affacciano sul "nostro" mare, soprattutto in un'ottica di conservazione e valorizzazione delle stesse attraverso una pianificazione e una gestione "integrate" di queste aree.
La campagna, che è stata celebrata ufficialmente il 24 ottobre, prevede per l'intera settimana un gran numero di attività organizzate nei diversi Paesi. Tema centrale di questa edizione è la gestione sostenibile delle spiagge.

Nel nostro Paese l'iniziativa è stata accolta con particolare entusiasmo e interesse dalla Sardegna, dove la Conservatoria delle Coste della Regione ha deciso di aderire e promuovere diverse iniziative per valorizzare le proprie coste. Aree Marine Protette, Parchi Marini, Associazioni ambientaliste e operatori turistici propongono, fino a domenica 2 novembre, una nove giorni fitta di appuntamenti coordinati e integrati, volti a stimolare i cittadini «a una fruizione sostenibile dell'intera fascia costiera, che porti quante più persone a scoprirla, conoscerla e viverla in ogni periodo dell'anno».

E tra le molteplici attività di educazione ambientale, salvaguardia, animazionedivulgazione che sono state organizzate, segnaliamo in particolare la presentazione del volume "Tutti al mare - Subacquea e disabilità in Sardegna", edito dalla CUEC (Cooperativa Universitaria Editrice Cagliaritana), che avrà luogo nei prossimi giorni in due località e momenti diversi.

Dapprima a Cagliari, dove il libro di Vittorio Gazale, Aldo Torti e Claudia Porcu verrà illustrato mercoledì 29 ottobre al Teatro delle Saline (Viale La Palma, ore 18). Successivamente a Sassari, dove l'appuntamento è per venerdì 31 ottobre presso la sala conferenze della "Casa Vacanze per Disabili" della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) locale - che ha collaborato al progetto - in località Platamona (ore 17).

«Ci sono libri - spiega Francesca Arcadu, presidente della UILDM di Sassari, nella presentazione del volume da lei curata - che già dal titolo riescono a trasmettere un messaggio chiaro, ed è questo il caso di "Tutti al mare - Subacquea e disabilità in Sardegna". Questo testo, infatti, offre una prospettiva preziosa sul turismo accessibile e con evidenza scientifica, grazie a una serie aggiornata e completa di dati, mette in risalto un fenomeno troppo spesso sottovalutato sia dal punto di vista economico che sociale».    
Si tratta, dunque, di un libro utile e necessario, che cerca di fare il punto sullo stato dell'accessibilità in Sardegna analizzando le potenziali strutture e servizi accessibili, con particolare attenzione ai parchi e alle aree protette. Esso, inoltre, propone un approfondimento dedicato all'attività subacquea accessibile, quindi per tutti.
«Uno dei punti che emergono dalla ricerca - conclude Arcadu - è l'importanza di permettere la fruizione del nostro patrimonio naturale a tutti, preservandone il valore e in armonia con l'ecosistema. Proprio partendo dal concetto di biodiversità, infatti, la natura può diventare il contesto ideale per l'integrazione e la sperimentazione di nuovi percorsi di accoglienza dedicati ai viaggiatori con disabilità. Questo volume colma una lacuna di comunicazione, offrendo una gamma esauriente e dettagliata di informazioni utili per il turista con bisogni speciali che volesse accostarsi alle bellezza naturali della Sardegna. Incluso il suo mare, che offre a tutti la possibilità di immersioni nei fondali incontaminati. Subacquea e disabilità, dunque, come binomio che possa trovare in Sardegna uno scenario privilegiato per la realizzazione del diritto alla mobilità». (C.N.)

Per richiedere materiale e per ulteriori informazioni:
Sezione UILDM di Sassari
tel. 347 6501139, uildmsassari@tiscali.it

Articolo tratto da www.superando.it

 
 

Giornata Uildm e Casa Serena a Platamona - lunedì 27 ottobre 2008

 

Si è svolta lo scorso 11 ottobre, presso la "Casa Vacanze per disabili Uildm" di Platamona, una giornata di incontro tra l'Associazione Uildm (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e gli anziani di "Casa Serena", nata con l'intento di stabilire e rinforzare i legami tra le realtà sociali del territorio.

 

L'occasione è stata offerta dalla donazione di alcuni quadri ed oggetti, realizzati dagli ospiti di Casa Serena nell’ambito dei loro laboratori creativi, da sistemare presso la struttura per disabili di Platamona per renderla più accogliente, a pochi mesi dalla sua apertura avvenuta lo scorso luglio. Saranno dunque le creazioni degli anziani ad abbellire e riempire di colore gli spazi della struttura di vacanza, un messaggio importante che unisce la creatività degli anziani al desiderio di svago e libertà delle persone disabili che soggiorneranno nella casa vacanze.

 

La mattinata ha visto l'arrivo degli anziani a Platamona, l'esibizione del coro dell'istituto, la donazione degli oggetti con la presenza dell’Assessore alle Politiche Sociali Cecilia Sechi, ed infine un buffet realizzato dai volontari della Uildm.

 

Il trasferimento degli anziani dall'istituto a Platamona e rientro è stato possibile grazie al contributo dell'ATP, che ha messo a disposizione un proprio mezzo a chiamata per il trasporto di circa 30 tra anziani ed operatori della struttura comunale.

 

L’iniziativa è nata dal confronto tra i responsabili della Uildm, l’Assessore alle Politiche Sociali e la referente per l’istituto Adele Loriga e potrebbe trasformarsi in un appuntamento fisso che periodicamente offra momenti di svago, confronto e scambio tra realtà sociali della città e del territorio.

 

Visualizza la presentazione fotografica dell'iniziativa

 

 

Snellite le procedure per le certificazioni di invalidità e handicap in Sardegna - martedì 16 settembre 2008

Lunedì 15 settembre, a Cagliari, l'assessore della Sanità Nerina Dirindin ha incontrato  le associazioni dei disabili per l’illustrazione della nuova delibera che semplifica gli adempimenti amministrativi per le persone con disabilità. Durante l'incontro sono state indicate le modalità di attuazione del provvedimento che nasce per accelerare le procedure di riconoscimento dell'invalidità civile e per ottenere benefici e provvidenze economiche.

Con l'approvazione della delibera la Giunta ha recepito la normativa nazionale che dà alle regioni il compito di semplificare e uniformare le procedure di accertamento sanitario per l'invalidità civile, la cecità, la sordità (articolo 1 legge 295 del 1990) e la verifica dell'handicap e dell'handicap grave (articoli 3 e 4 della legge 104 del 1992 per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate).  In base alla legge n. 295 del 1990 in materia di invalidita’ civile e n. 104 del 1992 in materia di handicap, la delibera rileva che “le procedure risultano talvolta non collegate e coordinate tra loro, determinando cosi’ l’obbligo per la persona con disabilita’ a sottoporsi a ripetute visite di accertamento per finalita’ diverse”.

Tali procedure sono a carico di apposite commissioni operative all'interno delle Aziende sanitarie locali. L'obiettivo delle nuove disposizioni è proprio quello di evitare azioni non collegate e non coordinate tra loro che spesso portano la persona disabile a sottoporsi a numerose visite di accertamento. In particolare, come spiegato da Dirindin, nella trafila per ottenere i benefici previsti dalla legge spettera’ agli uffici interessati richiedere alle Asl di riferimento i documenti che certificano l’invalidita’ o l’handicap, senza gravare ulteriormente sulla persona che presenta la richiesta.

La delibera ricorda anche che il governo nazionale, con il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze datato 2 agosto 2007, ha individuato un elenco di patologie per le quali sono escluse le visite di controllo necessarie per accertare nel tempo il permanere delle condizioni di invalidita’.

“Il provvedimento snellisce la parte della procedura che compete al servizio sanitario regionale”, ha spiegato l’assessore. “Questo sforzo fa parte di un percorso piu’ ampio per la semplificazione intrapreso in diversi settori dall’amministrazione regionale. Come assessorato stiamo lavorando anche a un’analoga delibera per sveltire le procedure nel campo dell’igiene pubblica”. Dirindin ha precisato che “i passaggi per il riconoscimento dell’invalidita’ e dell’handicap sono stati sveltiti senza compromettere il rigore degli accertamenti necessari in questi casi”.

Delibera del 9 settembre 2008, n. 48/11 [file .pdf]
L. 9 marzo 2006 n. 80. Semplificazione degli adempimenti amministrativi per le persone con disabilità. Modalità operative.

 

Approvata la legge istitutiva della Consulta Regionale della Disabilità - mercoledì 4 giugno 2008

Nei giorni scorsi il Consiglio Regionale della Sardegna ha istituito, con la Legge Regionale 28 maggio 2008, la Consulta Regionale della Disabilità.
Dopo anni di iniziative e di sollecitazioni, dunque, un’altra opportunità prevista dall’articolo 30 della Legge
104/92 trova pratica attuazione, agevolando il faticoso e impegnativo cammino delle persone con disabilità verso uno status sociale improntato al rispetto e all'affermazione della piena dignità.

La nuova disposizione regionale assume grande importanza perché, in primo luogo, rappresenta la traduzione legislativa della proposta a suo tempo elaborata e avanzata dalla
FISH Sardegna (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap), che ha sempre ritenuto strategica l'attivazione di uno strumento qualificato e penetrante destinato a responsabilizzare tutte le istituzioni e tutte le organizzazioni sociali e culturali.

La Legge Regionale della Sardegna 28 maggio 2008, istitutiva della Consulta Regionale dela Disabilità, è disponibile cliccando qui.

Leggi l'articolo completo qui

 

Guida alle agevolazioni fiscali per i disabili - martedì 27 maggio 2008

L’Agenzia delle entrate diffonde un’utile Guida alle agevolazioni fiscali per i disabili.  Si tratta di uno sforzo divulgativo che rappresenta un utile strumento per il Cittadino e per gli operatori del settore.

Contiene informazioni ed indicazioni su agevolazioni sulle spese che più comunemente vengono sostenute dalle persone con disabilità e dai loro familiari (spese di assistenza, ausili, veicoli, sussidi tecnici ed informatici ecc.

  • Scarica la Guida [in formato pdf per Acrobat reader]
    La Guida alle agevolazioni fiscali per i disabili è aggiornata con la normativa in vigore a maggio 2008.

Nel sito si possono inoltre trovare moltissime altre informazioni e approfondimenti anche sugli aspetti legislativi. Inoltre sono a disposizione le principali fonti normative cui anche l’Agenzia delle entrate fa riferimento.

Tratto da: www.handylex.org

 

Nuovo Consiglio Direttivo per la FISH Sardegna - lunedì 28 aprile 2008

La FISH Sardegna Onlus ha eletto lo scorso 12 aprile i suoi organi sociali che avranno il compito di guidare le attività della Federazione Regionale per i prossimi tre anni.

Nel corso della prima riunione del Consiglio direttivo e del Collegio dei revisori dei conti, svoltasi ad Oristano presso la Cooperativa Il Seme, sono state attribuite le cariche della presidenza e vice presidenza, insieme alle altre previste dallo statuto.

L’Assemblea ha voluto esprimere nei confronti di Alfio Desogus (rappresentante di RP Sardegna onlus di Cagliari) un significativo apprezzamento per l’impegno profuso nella nascita della Federazione in Sardegna e l’operato svolto nel primo anno di attività, confermandolo nella carica di Presidente.

Il criterio della rappresentanza territoriale ha ispirato l’attribuzione delle altre cariche, che sono state così definite:

Vice Presidente Francesca Arcadu (UILDM Sassari),

Amministratore Graziano Masia (Autismo Sardegna Oristano),

Segretario Piero Carboni (AIPD Nuoro),

Fanno inoltre parte del Consiglio direttivo regionale in qualità di Consiglieri: Paola Manconi (AISM Oristano), Giampietro Uleri (UFHA Sassari), Maria Doloretta Mura (La città del sole Guspini), Susanna Liperi Puddu (ABC Sardegna Cagliari), Angela Borghero (Comunità Via Marconi di Carbonia).

Il Collegio dei Revisori dei conti ha eletto quale Presidente Maurizio Atzori (ASAP Cagliari) e Consiglieri Angelo Pisuttu (AFARP Sassari) e Antonella Fois (Girotondo di Terralba).

Gli obiettivi che impegneranno le attività del Consiglio Direttivo per i prossimi anni sono stati tracciati lo scorso 1 marzo in occasione del Congresso Regionale delle Associazioni aderenti alla FISH Sardegna, che opera con l’intento di diffondere la cultura dei servizi e della partecipazione in tutto il territorio regionale, proponendosi come interlocutore attivo delle istituzioni per la concretizzazione dei diritti di cittadinanza.

 

Arriva il servizio "AmicoBus" - giovedì 17 aprile 2008
Sta per partire il progetto "AmicoBus", che dopo anni di assenza riproporrà a Sassari il servizio di trasporto a chiamata, con la possibilità di prenotare il pulmino per essere prelevati sotto casa ed accompagnati al luogo di destinazione. Il tutto con mezzi attrezzati, assistenza a bordo, al costo della tariffa urbana.  

Il progetto è frutto di un lungo e paziente percorso di dialogo al quale anche la Uildm ha preso parte negli ultimi anni. Il tema dei trasporti e della accessibilità alle persone con problemi di movimento è stato al centro degli incontri tra le Associazioni delle persone disabili e l'Azienda Trasporti Pubblici.

Le richieste, tutte orientate a garantire anche alle persone con disabilità l'utilizzo dei mezzi pubblici di trasporto, sono state sottoscritte in un Verbale di Accordo siglato nel luglio 2006 fra il Comune di Sassari, l’ATP e le Associazioni.

Per informazioni sui contenuti del servizio è possibile visitare il sito http://www.atpsassari.it/ o contattarci via mail o telefono.
 

Parte la campagna per la sicurezza stradale “pedonisicuri” promossa dal comune in collaborazione con - mercoledì 9 aprile 2008

Una campagna di sensibilizzazione per educare chi non rispetta i pedoni.

Il Sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau, l’Assessore alla Polizia Municipale, Pier Paolo Panu e il Comandante dei Vigili Urbani, Antonio Careddu hanno presentato questa mattina in conferenza stampa il nuovo progetto legato alla campagna per la sicurezza stradale. “Pedonisicuri” è la nuova iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale di Sassari in collaborazione con la UILDM  e l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, con l’obiettivo di consentire e favorire l’utilizzo degli spazi destinati alla mobilità pedonale in sicurezza e senza barriere o ostacoli. Nel 2007 il Comando della Polizia Municipale ha registrato ben 7000 infrazioni commesse da parte di automobilisti indisciplinati, molte delle quali relative alla sosta vietata sui marciapiedi o all’occupazione di stalli destinati ai disabili; a fronte di una riduzione del numero degli incidenti stradali registrata nel 2007 (pari al 2,6% rispetto al 2006), è invece seguito un aumento di incidenti ai pedoni: nello specifico nel 2007  è stata registrata una percentuale di decessi pari al 7,8% in più rispetto al 2006 e di incidenti che hanno visto coinvolti i pedoni pari  al 12% in più rispetto all’anno precedente.

Sulla scia del successo registrato con l’iniziativa Piedibus realizzata dall’Assessorato alle Politiche Educative con la collaborazione delle scuole elementari della città, il Comando della Polizia Municipale ha deciso di coinvolgere direttamente le due associazioni rappresentate questa mattina dai rispettivi presidenti, Francesca Arcadu (UILDM)  e Giovanni Loche (Unione Italiana Ciechi). Attraverso la distribuzione di oltre 5000 “multe morali”, circa un migliaio per ciascuna associazione, i disabili potranno registrare simbolicamente le infrazioni commesse dagli automobilisti attraverso la multa morale applicata sul parabrezza dell’auto. La cartolina, contenente sul retro l’elenco degli articoli del codice della strada relativi alle principali infrazioni e alle sanzioni previste per il mancato rispetto dell’obbligo di legge, consentirà all’automobilista di  avere un utile promemoria e contemporaneamente all’associazione di segnalare al comando il luogo, il giorno e l’ora in cui è stata commessa l’infrazione, attraverso una cedolina  che verrà direttamente consegnata al Comando dei Vigili.

Altre 3000 multe morali verranno consegnate agli alunni coinvolti nel progetto Piedibus: si tratta di  un “autobus che va a piedi”, una carovana di bambini che si recano a scuola insieme, sotto la responsabilità di due adulti, un “autista” alla guida del gruppo ed un “controllore” a chiudere la fila.

Il Piedibus funziona come un vero e proprio autobus di linea: parte da un capolinea, segue un itinerario sicuro stabilito, raccoglie i piccoli passeggeri, muniti di una pettorina ad alta visibilità, alle varie fermate predisposte lungo il percorso, rispetta un orario prefissato e presta servizio tutti i giorni, a prescindere dalle condizioni meteorologiche, secondo il calendario scolastico.

Tratto da: www.comune.sassari.it

 

Prima conferenza nazionale sulla vita indipendente delle Persone con Disabilità - venerdì 4 gennaio 2008

E' possibile scaricare in formato audio tutti i contributi della "Prima Conferenza Nazionale sulla Vita Indipendente delle Persone con Disabilità", tenutasi a Roma dal 4 al 6 ottobre 2007.

Conference Link

 

Sassari e le barriere architettoniche - giovedì 27 dicembre 2007

Sassari e le barriere architettoniche 

Visualizza galleria fotografica

Mostra-concorso della Uildm per analizzare cosa si è fatto in 20 anni

SASSARI. Che cosa è cambiato negli ultimi vent'anni in città: le barriere architettoniche esistono ancora o si è lavorato per eliminarle? La sezione Uildm, in collaborazione con Comune, Università, Ersu, Provincia e Rotary promuove una mostra-concorso fotografico dedicata alla città di Sassari.
Si intende sensibilizzare tutti i cittadini, in particolare i giovani, a una maggiore consapevolezza riguardo le barriere architettoniche e il diritto alla mobilità delle persone con disabilità.
Per fare questo si è pensato opportuno riprendere un discorso iniziato vent'anni fa proprio con una mostra realizzata dal fotografo Carlo Antero Sanna e ospitata nei locali della Provincia e la collaborazione col Rotaract. Il fotografo aveva offerto uno sguardo sulle barriere presenti in città, ostacolo per la circolazione e la partecipazione civile delle persone con problemi motori. Vent'anni dopo lo stesso Sanna, presidente dell'associazione «Arte Cultura Società», si è reso disponibile per un ulteriore focalizzazione della situazione attuale delle barriere architettoniche in città. Attraverso le immagini del fotografo, unite a quelle dei cittadini che prenderanno parte al concorso col loro personale punto di vista, sarà interessante verificare i mutamenti avvenuti in città e il livello di accoglienza percepito dai cittadini rispetto agli edifici, le strade e i luoghi di vita quotidiana. La mostra si terrà nei giorni dal 18 al 28 dicembre, nel Padiglione Tavolara, attualmente unica struttura presente in città in grado di ospitare la manifestazione per il minor numero di barriere architettoniche presenti.

 


 Stampa   

Copyright (c) 2007   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation